LOGIN         REGISTER

 VIDEOCONFERENZA PRESENTAZIONE PROTOCOLLO ORATORI

Venerdì 26 giugno, alle ore 11, presso la Sala della Trasparenza della Regione Piemonte (Piazza Castello 165 - Torino) è stato presentato il Protocollo per la valorizzazione degli Oratori del Piemonte.

Sono intervenuti il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e il presidente della Regione Ecclesiastica Piemonte e Valle d’Aosta, mons. Cesare Nosiglia. Con loro anche Chiara Caucino, assessore regionale alle Politiche Sociali, mons. Guido Gallese, Vescovo delegato della Cep per la Pastorale giovanile, don Luca Ramello, responsabile regionale per la Pastorale giovanile, e don Stefano Votta, presidente dell'associazione Noi Torino - APS Team Oratori Piemontesi.

È stato presentato venerdì 26 giugno. il Protocollo d’Intenti la Regione Piemonte e la Regione Ecclesiastica Piemontese, sullo specifico valore educativo degli Oratori. Il testo definitivo sarà reso pubblico non appena verrà assunto con Delibera della Giunta Regionale, ma ne hanno illustrato il senso e il significato mons. Cesare Nosiglia, Presidente della Conferenza Episcopale Piemontese, il Governatore Alberto Cirio, Presidente della Regione Piemonte, Mons. Guido Gallese, Delegato per la Pastorale Giovanile Regionale, l’Assessore Regionale al Welfare Chiara Caucino e l’Assessore per i Rapporti con il Consiglio Regionale, Maurizio Marrone.

Le finalità del Protocollo sono due, correlate ma distinte. La prima, nell’immediato, riguarda la riapertura degli Oratori Piemontesi e la ripresa delle loro attività.

Sono tre le condizioni per la riapertura degli Oratori: l’adempimento delle specifiche norme di prevenzione dal Covid-19; il rispetto delle legittime e vincolanti disposizioni canoniche di ogni Vescovo diocesano; il discernimento concreto di ogni oratorio circa le proprie disponibilità ad adeguare la propria organizzazione in relazione alle norme di prevenzione previste dalle normative di legge.

Come si potrà leggere nel testo, il Protocollo confermerà «la possibilità di riapertura degli oratori: se nella modalità di Centri estivi, secondo le norme della corrispondente Delibera di Giunta Regionale; se nella modalità di attività educative ordinarie, nell’osservanza delle norme di prevenzione dal contagio da Covid-19, previste dalle «Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza Covid-19» del Dpcm dell’11 giugno 2020. Si conferma altresì la possibilità della riapertura e della gestione in sicurezza delle attività dei Centri di vacanza con pernottamento per bambini e adolescenti nella fascia di età dai 6 ai 17 anni (noti come «campi estivi»), secondo le norme della corrispondente DGR del 25 maggio 2020 e delle altre attività similari ad esse associabili, soprattutto della realtà associative».

La seconda finalità, che guarda oltre la situazione di emergenza per la pandemia del Covid-19, «intende rendere stabile e istituzionale l’impegno a riconoscere, valorizzare e sostenere le specificità educative degli Oratori Piemontesi» ovvero nel «riconoscimento del carattere ‘popolare’ degli oratori quale loro peculiare valore educativo, in uno stile proprio di ‘prossimità evangelica’, che trae dall’esperienza di fede la sua ispirazione e la sua forza».

La Regione Piemonte si impegna perciò a chiarire, approfondire e sostenere gli oratori piemontesi, da promuovere e non solo da normare. E «nel definire le concrete declinazioni normative la Regione Piemonte si impegna a confrontarsi previamente con questa ispirazione di fondo, senza la quale le singole richieste operative risultano inadeguate e limitanti».

La Regione Ecclesiastica Piemontese si impegna altresì «a favorire la definizione di forme di collaborazione tra gli Enti Ecclesiastici e le realtà territoriali, al fine di garantire la qualità delle attività di oratorio», e si impegna a mantenere gli «Oratori aperti a tutti e per tutti, con la loro attenzione alle sfide dell’emarginazione e dell’interculturalità».

Quale luogo e strumento di confronto, verrà costituito in forma stabile ed istituzionale il Tavolo Oratori Piemontesi (T.O.P.), attraverso l’Assessorato al Welfare e la Consulta Regionale di Pastorale Giovanile, garantendo la rappresentanza a tutte le realtà associative degli Oratori, tra cui la Noi Torino Aps e l’Anspi Piemonte.

Circa i fondi per gli Oratori, per sostenere il loro servizio educativo in questa fase emergenziale, sono stati stanziati circa 12 milioni di euro: 9,7 da parte del Governo e 2 dalla Regione Piemonte tramite i fondi europei, che aiuteranno le attività dei centri estivi, tra cui anche quelli degli Oratori. I fondi saranno trasferiti ai Comuni e da questi agli Oratori, secondo le modalità previste dai Comuni stessi. La Regione Piemonte si impegna inoltre a garantire la copertura finanziaria della Legge Regionale sugli Oratori n. 26/2002, assicurandola non nella fase consuntiva del bilancio ma in quella di previsione.

Nei prossimi giorni verrà infine approfondita la recentissima DGR che disciplina i campi estivi (incluse le attività di Agesci).

don Luca RAMELLO

VIDEOCONFERENZA PRESENTAZIONE PROTOCOLLO ORATORI

SCIA» ORATORI ESTIVI 2020

Giovedì 4 giugno 2020 la Regione Piemonte ha pubblicato tutta la documentaIone utile per la procedura di avvio delle attività estive degli Oratori, sia il certificato (SCIA) per l'inizio delle attività come i format necessari per la gestione in sicurezza: scheda sanitaria per minori, monitoraggio settimanale dei dati sanitari del minore, scheda per il triage giornaliero per le tre fasce d’età dei minori, patto di responsabilità reciproca.

Di seguito, i modelli, approvati con Determinazione n. 526 del 3/6/2020:

Per gli approfondimenti, sono consultabili e scaricabili i tre allegati alla Deliberazione n.26-1436 del 29/05/2020:

 
Siamo prossimi all’apertura delle attività estive, tutte segnate dall’esperienza della pandemia da Covid-19. In molti ci siamo trovati a disagio di fronte a protocolli e dichiarazioni che hanno messo a dura prova l’identità stessa della nostra Associazione. Si tratta con intelligenza e stupore di imparare un nuovo modello organizzativo che mette insieme relazioni, correlazioni, processi e prassi che fino a ieri per molti potevano sembrare inutili o addirittura inopportune per la nostra autocoscienza di Chiesa e di stile associativo. Le risorse umane della nostra associazione sono tante e porteranno frutti abbondanti! La chiave di lettura sia l’accompagnamento che l’associazione vuole proporre alle comunità locali. Il metodo sia il dialogo fecondo a mezzo delle opportunità formative che propone la diocesi e in generale la Chiesa locale con il progetto formativo "Tutto Concorre al Bene".  
Alleghiamo i protocolli definiti da Noi Associazione, che vanno ad integrare quanto verrà proposto nei corsi di formazione diocesana che sono partiti lo scorso 12 giugno: 
1. Protocollo di riapertura per le attività dei circoli (questo documento potrebbe subire modifiche ed integrazioni) quali: Bar del circolo, La riapertura dei giochi e del cortile all’aperto, la gestione delle sale e gli incontri, l’animazione dei GrEst e Centri estivi. 
Il questionario si rivolge a tutti i circoli. Vi preghiamo di quindi di compilare ed inviare il questionario entro domenica 14/06. La vostra collaborazione sarà necessaria per permetterci di trovare la miglior soluzione assicurativa utile alla riapertura dei nostri oratori, nel minor tempo possibile. 
Buona estate a tutti in attesa di risentirci per gli altri aggiornamenti. 
Il Segretario Alberto Fissore                                     
 
Il Presidente Don Stefano Votta